Visite sì… ma poi?

Continuano le visite in biblioteca degli allievi della scuola di italiano della Villa Pallavicini. Gli studenti si mostrano molto contenti, ma le visite evidenziano alcune grosse lacune nella nostra offerta: solo nella sezione ragazzi – e solo in pochi casi – si trovano libri bilingue per aiutare gli stranieri alle prime armi nell’apprendimento dell’italiano; i pochi dizionari italiano-arabo sono sempre in prestito, e mancano completamente dizionari italiano-singalese, filippino, rumeno, bengalese, russo, ucraino. Nel settore riviste, in arabo abbiamo solo il settimanale marocchino Al Maghrebiya, mentre gli utenti a cui ci rivolgiamo sono prevalentemente egiziani, e non sembrano gradire molto… Nella sezione Letteratura in lingua straniera, infine, non c’è neppure un libro in arabo, quelli in francese sono soprattutto classici, l’area dei libri in spagnolo è ridicolmente piccola (meno di 50), e quella in portoghese non può neppure definirsi una sezione (neppure 10 titoli!). Insomma, si salva giusto la sezione dei libri in inglese, con 174 titoli.

Che fare?

Fortunatamente il progetto ci mette a disposizione una piccola cifra per l’acquisto di materiali. Abbiamo già ordinato alcuni dizionarietti tascabili nelle lingue di cui sopra, e stiamo preparando liste di libri in spagnolo, francese e portoghese, con l’idea di scegliere opere di narrativa contemporanea, sia originale che tradotta. Le cose saranno (parecchio) più complicate con i romanzi in arabo, bisognerà trovare un mediatore culturale con cui selezionare i titoli, un buon fornitore e risolvere anche alcuni problemi di catalogazione. Per ragazzi, compriamo già quel poco che si pubblica in Italia, ma vedremo di allargare il campo. Nel frattempo mi sono messa in contatto con alcune biblioteche di Roma e Torino, che sono molto più avanti di noi da questo punto di vista, e le colleghe con cui ho parlato hanno raccontato volentieri le loro esperienze, dando pareri motivati e suggerimenti molto utili.

Abbiamo anche deciso di sistemare in modo più intuitivo la sezione di libri in lingua per ragazzi, accorpando i testi per lingua. (Lo so, sembra la scoperta dell’acqua calda…)

Sul versante delle riviste, per il 2011 siamo riusciti ad attivare l’abbonamento al settimanale egiziano Al Hawadeth, ma per il resto ormai i giochi sono fatti e non possiamo aggiungere più nulla. Speriamo però di poter allargare l’offerta l’anno prossimo.

Per ora è tutto, seguiranno aggiornamenti

Flavia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in progetti, strumenti e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...